PILLOLA ROSSA O PILLOLA AZZURRA?

«Che cosa vuol dire reale? Dammi una definizione di reale. Se ti riferisci a quello che percepiamo, a quello che possiamo odorare, toccare e vedere, quel reale sono semplici segnali elettrici interpretati dal cervello. Questo è il mondo che tu conosci. Il mondo com’era alla fine del XX secolo. E che ora esiste solo in quanto parte di una neuro-simulazione interattiva che noi chiamiamo Matrix. Sei vissuto in un mondo fittizio, Neo».

Con queste parole Morpheus, interpretato da un immenso Laurence Fishburne, introduce il mondo di Matrix al futuro “eletto” Neo, il bello e dannato per eccellenza Keanu Reeves.

Dirty MarketingHo voluto iniziare questa mini recensione dell’ultima fatica saggistica di Emmanuele Macaluso citando il successo planetario dei fratelli Wachowski perché fin dall’incipit di Dirty Marketing «emergono distonie tra percezione e realtà». Per carità, nessun mondo virtuale sta dominando il pianeta né entità robotiche ci utilizzano come “batterie”, però… Però quella vaga “sensazione come di assorbimento”, citando uno spot anni ’80 di Clerasiliana memoria, si prova diverse volte leggendo le rivelazioni che, capitolo per capitolo, aiutano a svelare i trucchi del marketing sporco. Infatti Macaluso accompagna il lettore attraverso un viaggio, quello sì virtuale, tra marcatori somatici, norme della privacy piuttosto “discutibili”, le finte malattie, le “occasioni” al supermercato, il greenwashing e così via. E lo fa utilizzando un linguaggio semplice e molto efficace, senza mai essere saccente, ma soprattutto senza mai abbandonare lo stile di scrittura narrativo, davvero inaspettato in un saggista.

“Le nostre scelte e i nostri acquisti potrebbero non essere davvero nostri” Cosa ci spinge a fare un acquisto? È davvero una nostra libera scelta, o qualcuno ci manipola e noi rispondiamo semplicemente a degli stimoli? Quando entriamo in un supermercato, decidiamo noi dove spingere il carrello? E se la nostra realtà fosse una percezione così ben congeniata da diventare la nostra realtà?

Esperto di marketing e comunicazione, Emmanuele Macaluso è autore del Manifesto del Marketing Etico, un documento formale composto da 11 articoli la cui osservanza porta ad un miglioramento immediato della qualità del rapporto tra coloro che immettono un prodotto/servizio sul mercato e il mercato stesso, con beneficio per entrambe le parti coinvolte nel processo commerciale e comunicativo. Il manifesto è stato oggetto di numerose conferenze e seminari che hanno riscontrato un tale successo di pubblico da trasformare l’esperienza divulgativa nel docu-film “La Rivelazione” di prossima uscita. DirtyMarketing FabioDeCarli

E avendo finora parlato di marketing sporco, rivelazioni ed etica, non potevo esimermi dal ricordare con orgoglio come Dirty Marketing sia un’interessantissima analisi prodotta al 100% in Italia e non un riciclone di testi americani. Tutto ciò che viene raccontato nelle pagine di questo libro è assolutamente riscontrabile nel quotidiano: nei nostri supermercati, negli spot che vediamo ogni giorno sulla Rai, nelle email che utilizziamo con i nostri smartphone. Come 100% italiana sarebbe la paternità di Matrix: un capolavoro della cinematografia mondiale nato “ispirandosi” al fumetto “Razzi amari”, realizzato da Stefano Disegni e Massimo Caviglia nel 1992…

Pillola rossa o pillola azzurra? Cosa scegli?

Fabio De Carli


^